I materiali nell’edilizia sostenibile

Il settore dell’edilizia sta attraversando un importante momento di trasformazione.
Le tecniche e i processi dell’edilizia tradizionale lasciano spazio alla bioedilizia più attenta all’impatto ambientale dei processi, che prevede una gestione sempre più efficiente dei cicli dell’energia, dell’acqua e delle risorse naturali.
Bioedilizia significa quindi scegliere materiali più sostenibili, certificati e meno inquinanti; ridurre i consumi energetici domestici, sfruttare incentivi fiscali ed ecobonus, vivere in ambienti domestici più salubri.

Ecco una lista dei materiali edili ecosostenibili più innovativi ed efficienti
– Micelio dei funghi
Estraendo le radici dei funghi è possibile ottenere un isolante termico molto potente in grado di sostituire i tradizionali coibentanti plastici come le schiume. E’ ideale per isolare case con pareti in legno: le radici fanno presa sulla superficie legnosa e in poco meno di un mese si seccano, creando un vero e proprio pannello isolante, ermetico e ignifugo.
– Lana di pecora
I pannelli di lana compressa garantiscono infatti un perfetto isolamento termo-acustico, fungono da filtri contro polveri e batteri presenti nell’aria e possono essere riciclati.
– Pannelli in paglia: questi pannelli prefabbricati composti al 99% di paglia essiccata sono modulari , facili da montare ed estremamente resistenti e possono essere utilizzati per costruire pareti e soffitti, architravi e davanzali.
– Pietra riciclata: è un materiale composito ottenuto mescolando scarti di pietra calcarea, bottiglie di plastica e sacchetti alimentari. Ha una durata di 50 anni ed è riciclabile al 100%.
– Biomattoni: si tratta di blocchi prefabbricati composti da un mix di canapa e calce, garantiscono un ottimo comfort termo-acustico e sono resistenti sia al fuoco che al gelo.
– Pannelli in fibra di cellulosa: un’alternativa alla paglia essiccata è la fibra di cellulosa ottenuta dalla carta riciclata, opportunamente trattata per risultare ignifuga e repellente a insetti e roditori. È tra i materiali termoisolanti naturali più validi in commercio.
– Colori minerali: si tratta di vernici naturali completamente prive di sostanze tossiche e particolarmente indicate per la loro capacità di impedire la formazione di muffe e batteri.
– Pannelli rinforzati in legno, lana e cemento: questo materiale ecosostenibile di ultima generazione consente di costruire muri portanti, pareti divisorie, soffitti e pavimenti. I pannelli di questo tipo sono ignifughi, fonoassorbenti, impermeabili e resistenti ai parassiti.
– Terracotta e fibra di vetro: un mix capace di coniugare le qualità dell’argilla (scarsa conduttività termica e rilascio graduale del calore) e quelle delle fibre di carbonio (riduzione consumi energetici e assenza di emissioni inquinanti), trovando la sua massima applicazione nella costruzione di pannelli radianti per il riscaldamento della casa.

Ing. Alberto Gambini