Come rilanciare il settore dell’agricoltura

Nei giorni del lockdown abbiamo visto le immagini di coltivazioni di fiori, frutta, verdura non raccolti per l’impossibilità della manodopera di accedere ai campi in modalità protetta e sicura
L’agricoltura deve urgentemente pensare all’introduzione di innovazioni tecnologiche, pena la sua sopravvivenza.
L’agricoltura 4.0 di precisione rappresenta il futuro dei campi con lo sviluppo di applicazioni sempre più adatte alle produzioni nazionali su diversi fronti: dall’ottimizzazione produttiva e qualitativa alla riduzione dei costi aziendali, dalla minimizzazione degli impatti ambientali con sementi, fertilizzanti, agrofarmaci fino al taglio dell’uso di acqua e del consumo di carburanti.
i sensori posizionati nei campi permettono agli agricoltori di ottenere mappe dettagliate sia della topografia e delle risorse della zona, sia di variabili come l’acidità e la temperatura del suolo. I droni sono diventati uno strumento determinante per gli agricoltori per monitorare le terre, generare dati sui raccolti e procedere con fertilizzanti ed antiparassitari quando necessario.
I droni non sono comunque l’unica soluzione per la salvaguardia e l’efficienza dei raccolti. Esistono diverse nuove tecnologie da inserire all’interno dei campi per migliorare le coltivazioni. Per esempio negli ultimi anni sono molto utilizzate le colonnine a infrarossi da usare nei filari delle piante per monitorare la loro salute. Con un software speciale da usare su queste colonnine i ricercatori hanno aiutato diversi viticoltori a prevedere, per esempio, il tasso zuccherino delle loro uve e soprattutto ad evitare in tempo l’attacco dei parassiti. Non dimentichiamoci dei Trattori e macchine da raccolta, oltre a fornire potenza meccanica, idraulica ed elettrica, forniscono anche la connessione digitale, diventando un hub per la raccolta dei dati. Questi dati, opportunamente elaborati, aggregati e memorizzati permettono di fornire nuovi servizi e prodotti.
L’innovazione digitale dell’agricoltura 4.0 consente oggi alle aziende italiane di migliorare la Qualità Alimentare, ed in particolare di valorizzare l’origine dei prodotti, il processo produttivo e la sicurezza.

Ing. Alberto Gambini